Venezia 76: J’accuse – Il potere e la verità storica secondo Polanski

Giacomo Zanon

Agosto 31, 2019

Resta Aggiornato

Torna Roman Polanski in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia con J’accuse, dramma in costume ispirato al romanzo An Officer and a Spy di Robert Harris. Questo racconta il celebre Affare Dreyfus, ovvero il caso di uno dei pochi ebrei nell’esercito francese accusato di passare segreti militari all’Impero Tedesco, e per questo esiliato in prigionia sull’isola del Diavolo.

Polanski parte dal fatto storico in senso stretto per raccontare molto di più: si nota nell’Europa di fine ‘800 un clima di tensione e caos a causa dei problemi socio-politici dell’epoca. Inoltre, lo spettro dell’antisemitismo e dell’odio razziale – che arriverà all’apice una quarantina di anni dopo – è già presente, ed è la ragione principale per la quale Dreyfus venne esiliato. Egli venne accusato ingiustamente, e su questa vicenda di falsificazione dei documenti ufficiali e occultazione della verità indagherà Georges Picquart, interpretato da Jean Dujardin.

j'accuse
Una scena del film “J’accuse”

Polanski mette in scena un film in maniera ineccepibile: a ben ottantasei anni non perde il minimo smalto, e ci regala un altro saggio su come realizzare un film storico. La regia è stupenda a partire dalla prima scena, aprendosi con un campo lungo che poi si sposta gradualmente sui soggetti coinvolti. La grandezza di fotografia e regia non si allontana troppo dalla maestosità del capolavoro di Kubrick, Barry Lyndon, e il film vanta anche un montaggio eccezionale, che dona il ritmo perfetto e non fa pesare la staticità che un’opera del genere necessita di avere.

Un’opera inattaccabile

La ricostruzione d’epoca di scenografie e costumi è inattaccabile e ricrea ottimamente gli anni in cui il film è ambientato; Jean Dujardin regge benissimo oltre due ore di film sulle spalle, rivelandosi convincente come Garrel e la Seigner. Una sceneggiatura solida e coerente, tanto elegante e sobria nei dialoghi che nella descrizione dei personaggi, nonostante i minori – come quello della Seigner – non siano sfruttati completamente.

j'accuse
Roman Polanski

Film raffinatissimo e dalle mille sfaccettature, J’accuse non delude le aspettative ma regala momenti di grande Cinema. Uno spaccato di un’epoca dilaniata da conflitti e tensioni sociali, in cui la verità è all’oscuro e la corruzione domina. Polanski si addentra nei corridoi del potere con grazia e senza la minima retorica, ma tratta la società, l’umanità e la politica come un vero Maestro è in grado di fare.

J’accuse è quindi un film completo e a tutto tondo, notevole sia sul piano di vista della narrazione che su quello tecnico e visivo. Un’opera piena di sotto testi e piccoli dettagli che impreziosiscono un film e che si notano a una seconda, meritevole visione.

Leggi anche: Venezia 76: Ad Astra – La fantascienza umanista secondo Gray e Pitt

Correlati
Share This