Pacchetto quarantena – Il kit perfetto per gustarsi Stranger Things

Roberta Rutigliano

Marzo 21, 2020

Resta Aggiornato

In questi giorni così difficili, surreali e incerti, in cui ci troviamo costretti a rimanere a casa, abbiamo pensato di alleggerire un po’ la quarantena riempiendo le vostre giornate. Infatti, con questo nuovo formato non vogliamo limitarci a suggerirvi dei film o delle serie da vedere, ma vogliamo proporvi dei veri e propri “pacchetti”. In questo modo, vi potremo tenere compagnia, non solo attraverso una serie, ma accompagnandovi nella visione e nel vivere l’atmosfera e le ambientazioni in cui abitano i vostri personaggi preferiti a trecentosessanta gradi, con una esperienza quasi immersiva. I kit quarantena includono, precisamente, una serie tv da accompagnare al libro o al fumetto da cui trae origine la serie o che si associa a questa. Il tutto da gustare con una bevanda o un piatto connesso alla serie. Proprio come se fosse un vero menù! Il primo kit che vi proponiamo è Stranger Things.

Stranger Things, la serie

stranger Things

Hawkins, Indiana.

Il 6 novembre 1983 il dodicenne Will Byers sparisce.

I suoi più cari amici, la madre e lo sceriffo della cittadina indagano sulla misteriosa scomparsa, finendo per scoprire un laboratorio segreto e l’esistenza di un’altra dimensione, il Sottosopra, popolata da creature mostruose. Il tutto viene condito con omaggi al cinema di fantascienza e ottima musica e ambientazione anni Ottanta.

Accompagnare con:

Qui, a differenza di quanto accade per la maggior parte dei casi, in cui c’è un fumetto o un romanzo che ispira un riadattamento per il cinema o per la serialità, i fratelli Duffer con Stranger Things sono riusciti a creare una storia e dei personaggi talmente forti e talmente radicati nella contemporaneità che sono stati i romanzi e le graphic novel a seguire la serie.

Il romanzo Suspicious Minds di Gwenda Bond si svolge prima degli eventi della prima stagione e si concentra sulla madre di Undici, Terry Ives, e sulle sue esperienze con il Dr. Brenner nel laboratorio di Hawkins nel 1969.

stranger things

Buio sulla città (Darkness on the Edge of Town), di Adam Christopher, invece, vede come protagonista lo sceriffo della città Jim Hopper, che, in seguito agli eventi della seconda stagione, racconta a Undici i dettagli della sua precedente vita a New York durante gli anni ’70.

La vita segreta di Max (Runaway Max), romanzo per giovani adulti di Brenna Yovanoff, esplora la precedente vita di Max Mayfield a San Diego prima di trasferirsi a Hawkins nel 1984 e dà una rivisitazione degli eventi della seconda stagione dalla sua prospettiva.

Graphic Novel 
Si tratta di una serie di comics con micro storie laterali rispetto alla storia principale dove non si ripete la storia che abbiamo visto nella serie, ma si esplora ciò che succede ai personaggi nei momenti che non vediamo sullo schermo. Si racconta ciò che succede al personaggio che scompare nel Sottosopra. Ad oggi, sono stati pubblicati: Stranger Things: il Sottosopra e Stranger Things: Six

Condire con:

Dungeons & Dragons

Gioco di ruolo fantasy, creato da Gary Gygax e Dave Arneson. Ha fornito lo spunto alla nascita di tutto il filone editoriale legato ai giochi di ruolo. Tra questi è il più diffuso e conosciuto, con una stima di circa venti milioni di giocatori. 

Hasbro ha anche pubblicato una versione di uno starter kit di Dungeons & Dragons a tema Stranger Things nel maggio 2019. Il kit include un manuale di istruzioni, schede dei personaggi, dadi, miniature del Demogorgone e la campagna The Hunt for the Thessalhydra, quella a cui i protagonisti giocano nella prima stagione.

Servire con:

Waffles, per sentirci in sintonia con Eleven.

Gli Eggo, infatti, ormai resi famosissimi dalla serie, e per cui la protagonista femminile letteralmente impazzisce, altro non sono che un marchio di waffles surgelati di proprietà della Kellogg Company e venduti in Nord America. Sono disponibili diverse varietà di waffles, alcune delle quali, per esempio, al mirtillo, alla fragola, alla vaniglia, o alla cannella di zucchero di canna.

stranger things

 

Un bel gelato, magari Scoops Ahoy.

In realtà, per avere proprio quel gelato dovreste arrivare a Los Angeles. Ebbene sì, Scoops Ahoy esiste davvero. Infatti, sull’ondata di successo della serie, una gelateria di Los Angeles, Baskin-Robbins, ha deciso di rinnovarsi e trasformarsi proprio nella gelateria Scoops Ahoy che vediamo nella serie Stranger Things. Un delivery da lì ci sembra un po’ troppo. Magari possiamo optare anche per un semplice cono gelato!

Uno Slurpee, la bevanda preferita da Alexei, rigorosamente alla ciliegia.

Gli Slurpees, infatti, sono bevande gassate surgelate della catena 7 – Eleven (presente per lo più in Stati Uniti, Giappone e Thailandia), che debuttarono intorno al 1966. Che dite, possiamo accontentarci anche di un frappè alla ciliegia?

Dove vedere Stranger Things:

Stranger Things, la serie ideata dai fratelli Matt e Ross Duffer, al momento conta tre stagioni, per un totale di venticinque episodi di circa quaranta minuti ciascuno, è disponibile in streaming, anche in 4k, sulla piattaforma Netflix. La quarta stagione è, invece, ancora in lavorazione.

Leggi anche: Stranger Things sta per tornare, ecco qualche riflessione sul trailer

Correlati
Share This