Deadpool

Enrico Sciacovelli

Febbraio 26, 2016

Resta Aggiornato

Il cinefumetto sta passando attraverso una sua fase rinascimentale, dove fedeli adattamenti e coraggiose reinvenzioni di amati personaggi sono la norma anziché l’eccezione.

Siamo arrivati al punto di rendere una premessa bizzarra, come un procione antropomorfo con una mitragliatrice laser e un albero gigante doppiato da Vin Diesel, credibile e appetibile per il pubblico moderno.

L’innata natura infantile di questi progetti e la mole mostruosa di film e telefilm tratti da fumetti in arrivo può però portare un normale spettatore a guardare il genere del cinefumetto con sprezzante ironia.
È quindi ancora più divertente avere un film come Deadpool, che sbeffeggia sé stesso e i suoi pari semplicemente perché vuole e perché può.

Il concetto de “l’eroe che non meritiamo, ma di cui abbiamo bisogno” onestamente si adatta meglio a Deadpool che al Cavaliere Oscuro, un eroe del quale non si sente la mancanza finché non lo si conosce. Forte e consapevole dell’essere classificato R (Vietato ai minori di 13 anni in America), il mercenario porta con sé una vitalità che lo rende immediatamente divertente, nonostante (e forse grazie a) la sua dubbia moralità.

Ogni scena é ricca di riferimenti, battute fulminanti e trovate geniali che riescono a far trapelare la storia di un uomo che sceglie di non essere un eroe, anche se potrebbe facilmente esserlo. Un eroe moderno, difettoso, consapevole e a proprio agio con le sue mancanze, creando un parallelo al precedente lavoro del regista Tim Miller allo Scott Pilgrim di Edgar Wright.

Gli unici appunti possibili possono essere rivolti verso alcune scene dove il tono cambia in modo forse troppo brusco e dove il basso budget é evidente, nonostante Deadpool lo evidenzi a sua volta per aggirare il problema. Queste però sono veramente piccole imperfezioni in quella che è una piccola gemma del genere. Un film divertente dall’inizio dei titoli di testa fino alla scena dopo i titoli di coda (una vera chicca), stupido, casinista e fiero di quello che è, Deadpool é una piacevole sorpresa, che si spera possa aprire la strada ad altri cinefumetti classificati R.
Ora speriamo che il seguito abbia qualche frecciatina pronta per il disastro che era l’ultimo Fantastici Quattro.

Dannatamente divertente. 9 /10

Correlati
Share This