10 film da vedere a Natale secondo La Settima Arte

Maura D'Amato

Dicembre 25, 2018

Resta Aggiornato

10 film da vedere a Natale

leIn questo periodo dell’anno si sa, sarà il freddo, saranno le luci per le strade, saranno i comignoli fumanti, ma si ha sempre una gran voglia di passare le giornate con la sola compagnia di una tisana calda, un plaid e un bel film.

Un film divertente oppure un film al quale siamo particolarmente affezionati perché lo vedevamo sempre da bambini. Oppure un film da vedere in dolce compagnia.

Insomma, in questo periodo natalizio, ci sono dei film che sono dei veri e propri “cult del Natale”. Ecco una lista di dieci film da vedere in base alla vostra personalità!

1) Mamma ho perso l’aereo

Scena del film

Partiamo subito dal più classico!

Se siete delle persone affezionate alla vostra infanzia e approfittate del Natale per avere un po’ di spensieratezza, non potete non (ri)vedere Mamma ho perso l’aereo.

Tutti conoscono il piccolo Kevin Mccallister, che all’età di otto anni, a causa di una partenza frettolosa, viene “dimenticato” a casa dalla propria famiglia. Il resto della storia lo conoscono tutti e tutti, nonostante la miliardesima visione, continuano a ridere vedendo come il bambino riesce a difendere la propria casa dai due ladri maldestri. Atmosfere solenni per una vicenda divertente.

2) A Christmas Carol

Scena del film

Se siete amanti della letteratura, non potete perdere A Christmas Carol, trasposizione cinematografica del celebre Canto di Natale di Charles Dickens. La storia di un vecchio avaro che deve affrontare i Fantasmi del Passato, Presente e Futuro, che porteranno la gentilezza nel suo freddo cuore.

Il film, diretto da Robert Zemeckis, è stato realizzato utilizzando il performance capture, una tecnologia che permette di riprendere gli attori con cineprese computerizzate per poi trasformarli in personaggi di animazione.

Zemeckis coglie il profondo senso morale dell’opera di Dickens e non ne attenua i toni. È però capace di far riflettere con efficacia, non tanto su una visione edulcorata del Natale, quanto piuttosto sul senso che la vita di ognuno di noi può assumere su questa Terra.

3) The Polar Express

Scena del film

Ancora Robert Zemeckis, che dipinge l’essenza infantile del Natale: la neve che cade silenziosa, la notte, le coperte accoglienti di un letto rassicurante, la calda atmosfera familiare, i sogni di tutto quel che accadrà a breve e il viaggio laddove nessun bimbo sa cosa c’è, ma dove ogni bimbo vorrebbe andare.

ll film narra infatti la storia di un ragazzino che vede apparire fuori dalla finestra un treno, il Polar Express, che è diretto al polo Nord e ha come obiettivo quello di portare i bambini a vedere Babbo Natale. Il bambino ormai non crede più a Babbo Natale, ma decide di compiere questo viaggio per esserne sicuro al cento per cento.

Il film riesce a esprimere visivamente, acusticamente e soprattutto nostalgicamente, l’atmosfera e il sentimento del Natale. Cento minuti per ricordare a tutti noi che siamo stati bambini e che, una parte del bambino che è in noi è ancora viva.

4) Elf

Poster del film

Se cercate il classico film per famiglie, Elf è il film perfetto. Un bambino di nome Buddy vive in un orfanotrofio, ma la notte di Natale si infila nel sacco di Babbo Natale. Quest’ultimo se ne accorge solo una volta tornato al Polo Nord.

Da qui inizia il percorso di crescita del bambino, del quale Santa Claus diviene una sorta di padre adottivo. Il bambino cresce assieme agli altri elfi aiutanti di Babbo Natale, ma quando torna nella terra in cui è nato, alla ricerca dei suoi veri genitori, si accorge che la grande città non è fatta di pattinaggio sul ghiaccio e zucchero filato.

Film natalizio di poche pretese, se non quella di strappare un sorriso.

5) Nightmare before Christmas

Scena del film

Nato dalla mente di Tim Burton, che ha dichiarato di aver preso ispirazione da un ricordo d’infanzia riguardante il proprietario di un negozio intento a sostituire le decorazioni di Halloween con quelle natalizie.

Il ruota intorno al protagonista, Jack Skeletron, re del decadente mondo di Halloween, che è stanco di urla e paura. Così, mentre i mostri riemergono dalle bare per terrorizzare il mondo, Jack sprofonda in un’amletica crisi esistenziale. Assuefatto dal terrore e insoddisfatto di una realtà sempre uguale a se stessa, si perde in una foresta cercando ispirazione. Qui trova in una porta magica che lo catapulta nel mondo del Natale. Calore, colore, gioia.

Finalmente lo stupore che cercava. E poi una missione: sostituirsi a Babbo Natale e gestire i preparativi della festa più attesa da tutti i bambini. Nightmare before Christmas è un capolavoro realizzato in stop-motion, dove dominano le ambientazioni gotiche con una punta dark, firma del regista. Un film dove la contrapposizione è il tema principale. Da vedere assolutamente.

6) Edward mani di forbice

Natale
Scena del film

Ancora Tim Burton, anche se questo non è un vero e proprio film natalizio. Ma il Natale, nell’immaginario comune, è un giorno in cui cade la neve.

«Da dove viene la neve?».

«Credo che dovremmo iniziare dalle forbici».

Edward mani di forbice è una fiaba sulla diversità, sul rapporto tra la massa e l’individuo che da essa si distingue. Edward è un triste e tenero quasi-umano. Il suo inventore non l’ha finito, lasciandogli delle forbici al posto delle mani. Vive in un castello tutto solo, ma viene invitato da Peg, una venditrice porta a porta, ad andare a vivere nel pettegolo paese vicino.

Accolto, come se fosse un figlio, dalla famiglia di Peg, Edward susciterà molta curiosità nel villaggio venendo visto da tutti, da prima, come un ragazzo buono e “normale”, fino a diventare quasi un mito, per poi cadere metaforicamente ed essere ripudiato e chiamato mostro, assassino e, infine, essere cacciato dal paese.  

Edward, in questo periodo passato nella società, trova l’amore, un amore che non riuscirà mai a coltivare, ma che resterà sempre nel suo cuore. Tutto questo però è secondario, in quanto il film è totalmente basato sulle sensazioni e sulle emozioni. Un film espressivo, dove i sentimenti giocano un ruolo fondamentale.

7) The Family Man

Natale
Poster del film

Se cercate una commedia natalizia dal sapore dolciastro, The family man fa al caso vostro. Jack Campbell sta per andare a Londra, è l’occasione della vita. Sara, la sua ragazza, ha un brutto presentimento. Vorrebbe trattenerlo. Ma lui prende quell’aereo.

Tredici anni dopo Jack è il re di Wall Street e conduce una vita piuttosto lussuosa. La vigilia di Natale si imbatte in un angelo, il quale gli fa dare “un’occhiatina” a quella che sarebbe stata la sua vita se non avesse preso quell’aereo.

Il film è la classica favola che non invecchia mai, che ci porta a riflettere su ciò che è davvero importante nella vita. I soldi, la ricchezza, la fama, possono comprare la felicità? E quale momento migliore, se non il Natale, per rispondere a questa domanda?

8) Il Grinch

Natale
Poster del film

Se invece siete tra quelli che pensano che il Natale sia una festa consumistica, il film per voi è decisamente Il Grinch. Infatti nel paese immaginario di Chinonso, il senso del natale sembra essere solo ed esclusivamente quello di scambiarsi doni.

La piccola Cindy Lou, cerca di far svanire questa convinzione, invitando a una festa il Grinch, un essere verde e peloso che vive con gli oggetti prelevati da una discarica. Esso, seppur riluttante, accetta l’invito, ma durante la preparazione dei festeggiamenti riemergono le frustrazioni che aveva dovuto subire da piccolo.

Decide allora di vendicarsi rubando tutti i doni, alberi di Natale compresi. Sarà l’occasione per riflettere sul vero significato della festa.

9) Gremlins

Natale
Scena del film

Per i nostalgici degli anni Ottanta, ci sono i Gremlins a riportarci indietro. Il film ci presenta un inventore che ha trovato un regalo natalizio perfetto per suo figlio: un piccolo esserino tenero e buffo.

Per allevarlo basta rispettare tre semplici regole: non esporlo alla luce del sole, non dargli del cibo dopo la mezzanotte e non dargli mai dell’acqua. Il bambino infrange inavvertitamente una delle regole e la creatura si moltiplica e inizia così la trasformazione da docili cuccioli a temibili gremlins.

Un gioiello degli anni Ottanta, ricco di idee visive e scenografiche che lo hanno fatto diventare un cult.

10) Fantaghirò

Natale
Scena del film

Se invece avete voglia di imbattervi in qualcosa di più lungo, la miniserie di Fantaghirò è un classico da vedere e rivedere ogni qual volta ci siano dei giorni di vacanza.

Si tratta di una fiaba medievale in cui due regni sono in guerra tra loro. Una principessa ribelle di nome Fantaghirò finge di essere un uomo, il conte di Valdoca, e si impegna in una serie di sfide con il re rivale di suo padre, di cui però si innamora, corrisposta.

Fantaghirò è un prodotto tipicamente per famiglie, una favola semplice e ben costruita ricca di simbolismo, dove la morale che spicca è il senso della giustizia. Il successo all’epoca fu immediato tanto da dare vita a un vero e proprio franchise che ha portato alla realizzazione di ben cinque film.

Se hai trovato questo articolo interessante leggi anche: 10 (+1) tra i Migliori Monologhi del Cinema secondo La Settima Arte

Correlati
Share This