Euphoria 2×01 – Un’oscura ripartenza

Linda El Asmar

Gennaio 16, 2022

Resta Aggiornato

La seconda stagione di Euphoria si apre come se la prima non fosse mai finita, almeno narrativamente. Così, come nelle puntate della prima stagione, i minuti iniziali sono dedicati al passato di un personaggio, in questo caso Fezco. Serie di fatti che poi vanno a ricongiungersi con la narrazione attuale motivando, in un certo senso, le azioni e vicende successive. Il cambio di stagione, però, si percepisce in maniera profonda grazie a un nuovo di registro stilistico.

Fin dal titolo, nella sigla ci accorgiamo che i glitter e gli aloni violacei che avevano caratterizzato la serie fino a questo momento sono scomparsi. Viene lasciato spazio a qualcosa di più oscuro. Sembra infatti chiaro, fin dai primi minuti, che la ricaduta, fisica e metaforica di Rue, abbia segnato la ricaduta di tutta la serie e dei suoi personaggi.

Attenzione: seguono SPOILER!

Euphoria
Giovane Fezco, Euphoria 2×01.

Fezco: Trying to get to Heaven before they close the door

Come precedentemente detto, la nuova stagione si apre in pieno stile Euphoria con il passato di Fezco. Fino ad ora il personaggio era rimasto abbastanza in secondo piano, pur regalandoci alcune scene piuttosto intense nella prima stagione. Scopriamo come Fez non abbia scelto la sua vita, come sia cresciuto con la nonna che era una vera gangster e come il ragazzino che porta sempre con sé, Ashtray, sia una sorta di fratello adottivo capitato anche lui, per una serie di inconvenienti, nella vita di uno spacciatore.

Fez è fin da piccolo un buono di cuore, cosa percepita nella prima stagione, nonostante le condizioni in cui è cresciuto e le cose che ha vissuto. Padre aggressivo, nonna spacciatrice, un trauma cranico piuttosto grave in tenera età, violenza e malvivenza. In meno di cinque minuti dall’inizio della puntata, già abbiamo una sparatoria e un pene in primo piano, in pieno stile Euphoria. La scelta di ripartire da Fez e dalle tetre vicende della sua infanzia non risulta affatto casuale.

Questo ritmo frenetico, violento, dalle tonalità estremamente cupe non si dilegua nel momento in cui si torna al giorno d’oggi. Anzi, si intensifica sempre di più lungo la puntata, in maniera quasi ossessiva e nevrotica.

Vicende, dialoghi, musiche, gli stessi filtri delle immagini e gli outfit dei personaggi sono oscuri. La patina glitterata che sembrava caratterizzare Euphoria è totalmente scomparsa nel momento in cui nell’ultima puntata, dopo la scena in stile musical, Rue cade portandosi dietro l’intera serie.

Euphoria
Cassie (Sydney Sweney), Euphoria 2×01.

La ricaduta collettiva di Euphoria

Tornati al momento attuale, troviamo una Rue strafatta in macchina con Fez e Ash in procinto di avere un incontro con un gruppo di spacciatori la sera di Capodanno. La ricaduta di Rue è totale. Non è solamente una ricaduta nella droga, ma in tutte le vecchie e cattive abitudini da cui, con l’arrivo di Jules, aveva cercato di allontanarsi. Durante la puntata, quando poi la narrazione si sposta ad una festa tipicamente Euphoria, vediamo Rue nascondersi da Jules e drogarsi fino quasi ad avere un arresto cardiaco. La ragazza però non è turbata, almeno apparentemente, dalla cosa. Anzi, come di fronte al pericolo vissuto durante l’incontro con gli spacciatori, è talmente strafatta da non riuscire a far altro che ridere.

Ma non è solo Rue ad esser ricaduta nella totale tossicità. Tutti i personaggi sembrano esser ripiombati nei loro peggiori lati oscuri. Se ci era parsa la possibilità di uno spiraglio di redenzione a fine prima stagione, la seconda si apre nel totale caos.

Lungo la puntata vengono poste le basi per un triangolo la cui nocività, che è già enorme in partenza, non può che andare ad aumentare. Maddie rincorre ancora Nate, il quale è totalmente fuori controllo, ancora di più di quanto abbiamo visto. Il ragazzo finisce a fare sesso nel bagno con una altrettanto fuori controllo Cassie. La ragazza è totalmente persa. L’avevamo lasciata dopo il suo aborto e questo sembra averla segnata in maniera molto profonda. Risulta depressa, spaventata e sull’orlo di un precipizio.

Di un’intensità pazzesca e in linea con le nuove atmosfere di tensione è la scena in macchina fra Nate e Cassie. I due superano i limiti in ogni modo possibile: in velocità, in decenza e in sanità mentale. Altrettanto intensa è la scena del quasi attacco cardiaco di Rue. Le scelte sonore, come sempre nella serie, sono forse una delle caratteristiche che implementano di più la sensazione di oppressione, ansia e sospensione. Non si può non trattenere il fiato e sentire il peso delle situazioni nel momento stesso in cui le stiamo guardando.

E se per alcuni personaggi di Euphoria sembra che ci sia stata una totale caduta nell’abisso, altri sembrano aspettare in bilico sul bordo. Noi spettatori vediamo le mani invisibili che stanno per spingerli giù e anche loro sembrano percepirle, ma per sapere quanto in basso cadranno dobbiamo aspettare che la narrazione vada avanti.

Nessuno si salva, nemmeno qualcuno come Kat che rimane defilata per tutta la puntata. La ragazza sembra apparentemente tranquilla, ma è tangibile che c’è qualcosa che non va. Lo stesso vale per Jules e McKay.

Lexi (Maude Apatow) e Fezco (Angus Cloud), Euphoria 2×01.

L’unico personaggio a cui le cose sembrano andare bene, almeno fino agli ultimi minuti di puntata, è Lexi. Se anche lei, come Fez, era rimasta in secondo piano nella prima stagione, adesso sembra appropriarsi del suo ruolo di protagonista prendendosi il suo meritato tempo sullo schermo. Non pare un caso che le sue scene, eccetto quando cerca la sorella, siano insieme a Fez. A primo impatto i due potrebbero sembrare come il diavolo e l’acqua santa, ma in realtà sembrerebbero avere molte più cose in comune di quanto non si pensi.

Fez è affascinato dall’intelligenza e sincerità di Lexi, la ritiene coraggiosa e ammirevole. La ragazza invece sembra incuriosita da quello strano ragazzo che parla lentamente e biascicando ed è pure un po’ lusingata dalle sue attenzioni. Attenzioni che solitamente nessuno le dedica.

Altrettanto buono e pronto all’essere inghiottito dall’oscurità sembra essere il nuovo personaggio: Elliot. Il ragazzo si trova per caso a essere coinvolto con il quasi arresto cardiaco di Rue, l’aiuta a riprendersi e, da quel momento, rimane al fianco della ragazza. Già sappiamo che Elliot si droga, ma non sembra assolutamente essere ai livelli di Rue. Viene quindi da chiedersi se questa amicizia farà del bene alla ragazza o del male al ragazzo. Conoscendo Euphoria e vedendo la partenza di questa stagione, viene da pensare alla seconda.

Jules (Hunter Schafer), Euphoria 2×01.

Nuovo anno, nuova stagione

Come giusta conclusione dell’episodio e per evidenziare il concetto che nessuno in questa stagione si salverà dalla violenza e dalla cupezza, le ultime scene si svolgono in una sorta di limbo onirico. Dall’oscurità i vari personaggi vengono quasi accecati da aloni luminosi, mostrandoli tutti con espressioni perse, vuote o quasi dolorose. Torniamo per un piccolo momento a vedere il mondo dagli occhi di Rue osservando dei primi piani di Jules, completamente immersa nel buio, con una calda e ambigua luce che ogni tanto le illumina il viso. Rue le esprime, finalmente, in maniera chiara i suoi sentimenti e le due si baciano nella totale oscurità. Un bacio al buio che sembra sigillare un patto con queste nuove atmosfere oscure.

Le luci si accendono, è scoccata la mezzanotte ed è iniziato il nuovo anno. La puntata sta finendo e Fezco si avvicina a Nate. Fez sembra realmente disposto a dimenticarsi i trascorsi, le minacce di morte e a seguire la luminosità dei propositi per il nuovo anno. Brinda con Nate e gli spacca una bottiglia in testa. Se per qualche secondo pensavamo che Euphoria potesse tornare sul suo binario originale, ci sbagliavamo.

Come già detto sembrerebbe che le parole chiave di questa stagione siano violenza e oscurità, due condizioni da cui nemmeno i più buoni sembrano salvarsi. Fez inizia a picchiare ferocemente Nate davanti a tutti. Soprattutto sotto gli occhi di Lexi la quale, a differenza di sua sorella e Maddie, non fa assolutamente niente per fermare la situazione. Fez viene fermato. Nate viene trasportato fuori, praticamente incosciente e la ripresa si sposta su Jules e Rue sconvolte, ma anche forse anche divertite dalla situazione.

Euphoria
Fezco (Angus Cloud), Euphoria 2×01.

Euphoria non è una serie per deboli di cuore

Difficile dire come andrà avanti la stagione. Sicuramente non ci si aspettava un cambio di registro così intenso. Ma, infondo, è proprio questa capacità di continuare a stupire che ha sempre reso Euphoria una serie dal profondo impatto. Viene però da riflettere se non sia stata una scelta specifica per il primo episodio o se questo nuovo stile si manterrà per tutta la stagione.

Zendaya sui social ha voluto ricordare a tutti che Euphoria non è una serie per ragazzini. I suoi temi sono indirizzati ad un pubblico adulto e, come dice l’attrice, questa stagione forse ancora più della precedente affronterà tematiche estremamente pesanti e a volte difficili da digerire. Invita gli spettatori a guardare la serie solo se si sentono di farlo. Ci fornisce quindi la conferma che, molto probabilmente, questo cambio di stile si manterrà fino alla fine.

Leggi anche: Euphoria – L’insita mascolinità tossica

Leggi anche: Euphoria Special Episode: Rue – Qualcosa in cui credere

Correlati
Share This