Ms.Marvel 1×01 – La freschezza dell’adolescenza

Stefano Romitò

Giugno 16, 2022

Resta Aggiornato

Se c’è una cosa che il primo episodio di Ms.Marvel ci tiene a dimostrare è l’originalità del suo approccio al mondo dei supereroi. Come era accaduto per Moon Knight, la nuova serie disponibile su Disney+ introduce nel MCU una nuova eroina mai apparsa nelle precedenti produzioni Marvel Studios. Nel mondo dei fumetti Ms.Marvel è presente dal lontano 1977 come alter-ego di diversi personaggi, ma è solo a partire dal 2014 che a indossare le vesti della supereroina è Kamala Khan. La serie a lei dedicata ha, sin da subito, riscosso un notevole successo sia tra gli appassionati del genere che tra la critica. A dimostrazione di ciò c’è il fatto che proprio lei è stata scelta come protagonista del videogioco Marvel’s Avengers, uscito nel 2020. Ma che ha di speciale questa nuova trasposizione televisiva dedicata al suo personaggio? E soprattutto, in che modo riesce a differenziarsi dalle precedenti produzioni Marvel Studios?

È sulle note di Blinding Lights di The Weeknd che veniamo immersi nel favoloso mondo di Kamala Khan.

Ms.Marvel
Kamala Khan nella sua cameretta.

Sin dai titoli di testa, le fantasie della giovane prendono vita trasformandosi in inserti animati e live-action che ci mostrano immediatamente la sua più grande passione: i supereroi.

La sedicenne originaria del Pakistan, che ora vive con la propria famiglia nel New Jersey, è infatti una dei tanti ragazzini e ragazzine cresciuti con un vero e proprio amore nei loro confronti. L’unica cosa che la differenzia dai tanti fan Marvel è il fatto che nel mondo di Kamala i supereroi esistono davvero. La ragazza sembra ricalcare lo stereotipo della nerd. La sua stanza è piena di oggetti a loro dedicati. I contenuti del suo canale YouTube si concentrano esclusivamente sulle imprese degli Avengers. Ama i cosplay e la sua superoina preferita è Captain Marvel.

Già da questa presentazione Kamala si differenzia fortemente da tutti gli eroi Marvel che conosciamo. Proprio questo suo smodato amore per i supereroi la rende incredibilmente vicina a tutti gli spettatori che ne condividono la stessa passione, facendone un personaggio con cui entrare facilmente in empatia.

Dai primi minuti, inoltre, grazie all’uso della musica pop e degli inserti animati, sembra di respirare un’atmosfera fresca, leggera e sognante, come mai se ne erano viste nei prodotti Marvel Studios.

Come ogni vera nerd che si rispetti, Kamala è intenzionata a prendere parte a un evento che si tiene nella sua città: L’AvengerCon. Il raduno di appassionati di supereroi prevede anche una gara di cosplay alla quale la giovane vuole partecipare nei panni di Captain Marvel. È proprio qui che entrano in gioco i personaggi secondari di Ms.Marvel. Per poter andare alla fiera Kamala, essendo ancora minorenne, dovrà ottenere il permesso della sua famiglia. I genitori e suo fratello vengono caratterizzati molto bene già dalle loro prime battute, riuscendo sin da subito a restituire l’idea di una famiglia che, proprio tramite le stranezze che la contraddistingue, risulta incredibilmente ordinaria. Il rapporto di Kamala con i suoi genitori, come quello di quasi tutti i teenager, non è rose e fiori.

Ms.Marvel
Kamala a tavola con la famiglia.

È proprio il conflitto culturale e generazionale a rappresentare un interessante nucleo tematico del primo episodio.

Tramite situazioni di vita quotidiana, come appunto la ragazza che chiede il permesso per partecipare alla convention, riusciamo subito a capire gli equilibri che regnano in casa Khan. I genitori, nati e cresciuti in Pakistan prima di trasferirsi, in parte temono che la figlia assorba la cultura americana che ai loro occhi sembra così depravata e pericolosa. Proprio per questo, e per paura che alla figlia sedicenne da sola possa accadere qualcosa, i due vietano alla ragazza di prendere parte all’evento. Kamala però non si arrende. Escogitando un piano con il suo amico di scuola Bruno, l’unico, per il momento, con cui sembra avere un rapporto più intimo, scappa di casa e si reca all’AvengerCon.

È proprio durante l’evento che accade l’impensabile. Kamala vuole personalizzare il proprio costume da Captain Marvel con qualche accessorio che ricordi le sue origini pakistane. Rimasta colpita da uno dei bracciali che una lontana zia le aveva inviato, decide di indossarlo proprio per la gara di cosplay. Mentre si trova sul palco, però, il bracciale le fa avere una visione e improvvisamente la ragazza che tanto ama i supereroi si ritrova ad avere dei superpoteri, che permettono al suo corpo di allungarsi a suo piacimento.

Ms.Marvel
Kamala sul palco dell’AvengersCon poco prima di ottenere i superpoteri.

Da quello che possiamo vedere nel primo episodio Ms.Marvel sembra promettere molto bene.

La prima puntata si dimostra in grado di farci entrare a pieno nel mondo di Kamala mostrandoci tutte le particolarità che lo contraddistinguono.

La protagonista, i personaggi secondari e gran parte delle situazioni che ci vengono mostrate ci restituiscono un’idea di quotidianità e normalità che raramente si percepisce in maniera così convincente in altri prodotti Marvel Studios. Il personaggio di Kamala sembra funzionare benissimo. Il merito è sia dell’incredibile bravura dimostrata dalla debuttante Iman Vellani, sia del fatto che Kamala riesce a far immedesimare molto bene tutta la fetta di pubblico cresciuta con l’amore verso i supereroi, e che ora si ritrova a guardare questa serie. La ragazza, pur se “super”, resta comunque una sedicenne. Proprio questo fatto permette alla serie di adottare un approccio stilistico innovativo per i prodotti Marvel Studios.

Il primo episodio, infatti, strizza l’occhio a molti teen-drama riuscendo però a non ricadere, per il momento, nei classici cliché del genere.

Kamala e i suoi compagni a scuola.

Kamala è una ragazza costantemente in bilico tra due dimensioni. La cultura pakistana della sua famiglia e quella americana in cui è immersa. La fantasia galoppante e la noiosa realtà che le sembra andare stretta. L’amore per i supereroi, ai suoi occhi così inarrivabili, e i suoi nuovi poteri che la fanno diventare una di loro. Le premesse per una serie interessante e originale ci sono tutte. Sappiamo già che vedremo Ms.Marvel al fianco di Captain Marvel nel film The Marvels, in uscita nel 2023. Ora non ci resta che attendere il secondo episodio e vedere se le aspettative, che il pilot della serie ha generato, saranno confermate.

Leggi anche: Moon Knight 1×01 – Un viaggio in una mente disturbata

Correlati
Share This