Home (Non) è un paese per Festival N° CXC_001 al Torino Underground - Per un cinema al buio e...

N° CXC_001 al Torino Underground – Per un cinema al buio e senza titolo

Uno spettro si aggira per la città di Torino. È lo spettro del Torino Underground.

Dal 17 novembre un appuntamento mensile in una sala cinematografica al buio: il titolo del film non sarà mai rivelato, mentre verranno veicolati il genere, la durata e il paese di produzione. Il Torino Underground Cinefest si prepara a un’altra ondata di cinema indipendente al cinema Baretti, nel quartiere di San Salvario di Torino.

Insane Film_Club è una nuova costola operativa del Torino Underground Cinefest, e il suo primo progetto è proporre mensilmente, dal 17 novembre, una proiezione-evento senza titolo. Saranno rivelati solo il genere, la durata e il paese di produzione del film, lasciando all’oscuro, al buio della sala cinematografica, alle ombre della caverna platonica, tutto il resto. In tal modo, il TUC vuole riunire un gran numero di appassionati e non, in un esperimento unico in questo periodo storico. Sempre in lotta e rottura con il cinema e il mondo mainstream, il Torino Underground prosegue la sua linea esistenziale e cinematografica di indipendentismo, trovando così nuovi canali di espressione.

Torino Underground Cinefest: festival di cinema indipendente alla sua ottava edizione

«I film che verranno proposti non sono privi di titolo ovviamente, ma noi sostituiremo il titolo con un codice, diverso per ogni proiezione. Il titolo del film non sarà mai rivelato, né prima, né durante, né dopo. Qualcuno potrebbe obiettare, sostenendo che questa scelta sia penalizzante per il film che viene ridotto a un mero numero, a un codice.

In realtà, oggi chi fa cinema, chi realizza film, soprattutto gli indipendenti (che noi rappresentiamo e a cui ci rivolgiamo), è ben consapevole di essere un numero appartenente a un universo produttivo infinitesimale. L’aumento delle produzioni viaggia di pari passo con l’esigenza e la richiesta delle piattaforme. Non ci sono grandi alternative alla crisi della sala cinematografica.

La sala vive un momento di enorme difficoltà per mezzo dell’ascesa inesorabile delle piattaforme. Il pubblico va al cinema sempre meno, e con poca passione. Meglio affidarsi alle scelte “comode” dello streaming.

Il nostro attuale obiettivo è di coinvolgere empaticamente i fruitori, gli appassionati, i curiosi e i cinefili, e sorprenderli stimolandoli a tornare in sala. Il Torino Underground vuole dar vita a uno spazio di aggregazione attraverso una proposta alternativa e accattivante col semplice scopo di garantire entusiasmo a chi deciderà di seguirci.

È uno zelante tentativo di creare una visione alternativa, nella speranza di smuovere gli animi e trovare il consenso tra proposta e richiesta.»

Così parlò Mauro Russo Rouge, fondatore, direttore artistico del festival indie torinese e regista di diversi lungometraggi di altissimo livello.

Mauro Russo Rouge

Si inizierà, dunque, mercoledì 17 novembre, alle ore 21:00, presso il CineTeatro Baretti, sito in via Giuseppe Baretti, 4 a Torino, con la proiezione di N° CXC_001, film in lingua originale, sottotitolato in italiano.

Si tratta di uno dei film più interessanti e ambiziosi degli ultimi otto anni del Torino Underground. È israeliano, dura 90’ ed è diretto dal regista E. E.. È ispirato a una storia vera. Intorno al film, l’autore afferma: «Questa è la mia storia, la storia di un uomo che aspira a salvare i giovani delinquenti, che non vogliono essere salvati, attraverso l’arte. Questo è un film sul subconscio della società israeliana, un film su un cerchio che non si chiude mai, in cui il dolore è la via della speranza e della redenzione».

Come accedere:

Per accedere alla proiezione, basta registrarsi su Eventbrite.it, a questo URL https://www.eventbrite.it/e/biglietti-torino-underground-insane-filmclub-cxc-001-184551417257, donare 3,00 euro e affidarsi alla sensibilità dello staff del TUC.

La donazione richiesta servirà a coprire i costi di affitto sala cinema, del materiale tecnico del film proiettato in formato DCP, della realizzazione sottotitoli in italiano, della maschera, del fotografo, della SIAE, dell’ufficio stampa e della promozione dell’evento.

Per informazioni, è possibile scrivere info@tucfest.com.

Leggi anche: Torino Underground Cinefest 2021 – Per un Cinema Indipendente

Tommaso Paris
“-Dio è morto, Marx è morto, e io mi sento poco bene- (Woody Allen). 23 anni, studio filosofia a Bologna, ma provengo dai monti. Filosofia e Cinema, essenzialmente le due ragioni per cui mi alzo la mattina.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Crazy for Football – L’opportunità di stare meglio

Crazy for Football: Matti per il calcio (2021) è un film che ripercorre la storia, già raccontata nell’omonimo documentario del 2016, di...

Les Triangles Amoureux – Métisse di Kassovitz: il meticcio come Terzo

Métisse (1993) di Mathieu Kassovitz – lo stesso regista del suo più famoso La Haine (L’odio, 1995) –, quinto appuntamento con la...

Dispatches from Elsewhere – Metateatrale analisi della psiche

Iniziamo il nostro viaggio verso Dispatches from Elsewhere e la divina nonchalance. Tutti vogliamo sentirci dire che siamo speciali, nessuno vuole sentirsi...

Les Triangles Amoureux – La Piscine e il desiderio mimetico

Les Triangles Amoureaux - La Piscine e il desiderio mimetico È la canicola. Alain Delon è mollemente adagiato a...